A volte, anche dopo aver fatto tutto bene, il tuo sito web potrebbe non classificarsi. Potrebbero esserti sfuggiti un paio di errori di cui potresti non essere a conoscenza.

Come risolvere qualcosa che non conosci nemmeno? È qui che entra in gioco un audit completo e approfondito del sito web. Questo non solo ti aiuterà con gli errori presenti nel tuo sito web, ma ti aiuterà anche a posizionarti meglio.

È necessario condurre un audit SEO completo.

Trovare e risolvere questi problemi utilizzando SEO Audit può aumentare il posizionamento del tuo sito web e ottenere più traffico organico e anche darti un'idea di come puoi migliorare il tuo sito web per raggiungere i tuoi obiettivi.

SEO audit

Come eseguire un audit SEO per il tuo sito web

1. Controllo a livello di sito con Screaming Frog o Sitebulb

Entrambi questi strumenti sono altamente raccomandati per l'analisi dei crawler dei siti Web e hanno i loro punti di forza unici. Screaming Frog eccelle nella sua capacità di eseguire facilmente la scansione di siti Web di piccole e grandi dimensioni, mentre SiteBulb dà priorità alle questioni tecniche di SEO. 

SiteBulb include un controllo visivo interattivo del sito che presenta una rappresentazione chiara e intuitiva del tuo sito Web e dei relativi errori. Screaming Frog ha una funzione di controllo dei contenuti integrata e una funzione di reporting completa per aiutarti a ottenere una visione migliore.

2. Errori di Search Console

Se la console di ricerca segnala un errore del server, significa che Googlebot non è riuscito ad accedere al tuo URL. Esistono diverse possibili cause per questo tipo di errore e potrebbe essere necessario risolvere questo problema il prima possibile.

Sarà necessario correggere questi errori:

  • Assicurati che il server di hosting del tuo sito funzioni correttamente; non è sovraccaricato o mal configurato.
  • Controlla che il tuo sito non si blocchi inavvertitamente.
  • Controllare attentamente la scansione e l'indicizzazione dei motori di ricerca; se non puoi farlo da solo, consulta uno sviluppatore per vedere se il tuo sito è impostato per prestazioni ottimali. 

3. Velocizza il tuo sito

Google ha confermato che la velocità di caricamento del tuo sito è uno dei fattori di ranking e nel corso dell'anno ha lanciato un nuovo aggiornamento che rende la velocità ancora più importante.

Ecco come potresti ottenere una velocità di caricamento del tuo sito davvero più veloce.

  • Pulisci i codici HTML del tuo sito e potrai trovare facilmente PageSpeed ​​Insights. Ma non limitarti ad analizzare la home page. Assicurati di testare tutte le tue pagine web più popolari.
  • Comprimi le tue immagini poiché immagini troppo grandi possono rallentare la velocità del tuo sito.

4. Trova ed elimina le pagine degli zombi

Su molti siti si vedono il 50-75% in più di pagine indicizzate; queste pagine sono conosciute come “pagina Zombie”. Eliminare le pagine Zombie può farti ottenere molto più traffico organico... il che ti aiuterà ad aumentare il traffico di Google di quasi il 50%.

I tipi più comuni di Pagine Zombie sono:

  • Pagine di archivio
  • Pagine di categorie e schede 
  • Pagine dei risultati di ricerca
  • Contenuto del boilerplate
  • Vecchio comunicato stampa

5. Analizza i tuoi backlink

I backlink sono davvero importanti: secondo il nostro studio, oltre 11,8 milioni di risultati di ricerca hanno scoperto che i backlink sono correlati al posizionamento più di qualsiasi altro fattore. Puoi utilizzare vari strumenti per verificare i domini di riferimento e le autorità di dominio. 

6. Controlla il tuo traffico organico

Vai su Google Analytics per vedere quanto traffico organico stai ricevendo sul tuo sito web. Puoi vedere il numero di persone che hanno visitato i tuoi siti dai motori di ricerca il mese scorso. Puoi anche impostare le date sugli ultimi 6-8 mesi.

7. Appiattisci l'architettura del tuo sito web

L'architettura del sito web è molto importante per l'ottimizzazione dei motori di ricerca e per questo dovrebbe essere semplice. Questa, aiuta i motori di ricerca a trovare e indicizzare tutte le tue pagine web e, una volta eseguita correttamente, Google può facilmente trovare l'intero sito. In secondo luogo, indica a Google quale pagina del tuo sito web è più importante. Quindi assicurati che l’architettura del tuo sito web sia il più semplice possibile.

8. Controlla eventuali duplicati

Il pubblico dovrebbe essere in grado di accedere al tuo sito web con uno dei tuoi indirizzi e, se è accessibile da più di uno dei loro contrappunti non sicuri, devi risolverlo. Questo è molto importante perché Google vede questi URL anche come versioni separate del sito e avere più di un collegamento accessibile può causare problemi di indicizzazione e scansione; potrebbe influenzare negativamente il tuo posizionamento a causa della diluizione del link equity.

9. Diagnosticare e individuare problemi di indicizzabilità .

Un indice è il luogo da cui provengono i risultati di ricerca di Google, un database di miliardi di pagine web. Il problema dell'indicizzazione può diventare complicato, poiché la tua pagina deve essere indicizzata per avere qualche possibilità di posizionamento. Puoi facilmente verificare i problemi di base nel rapporto INDEXABILITY nel controllo del tuo sito per la "PAGINA NOINDEX".

Nota: Google non può indicizzare la pagina con questo avviso, quindi vale la pena verificare che non sia la pagina indice che si desidera indicizzare e se sono stati rimossi o modificati i tag robots.

10. Assicurati che il tuo sito web sia ottimizzato per i dispositivi mobili

Dal 2019, l’ottimizzazione per i dispositivi mobili è uno dei fattori di ranking di Google, quindi ha senso verificare se il tuo sito web è ottimizzato correttamente. Vai al rapporto Usabilità mobile nella console di ricerca di Google, che ti dirà se qualche URL presenta errori che influiscono sulla tua usabilità mobile.

Ecco alcuni suggerimenti che devi sapere quando si tratta di ottimizzazione del sito web per dispositivi mobili:

  • Dai la priorità ai contenuti del tuo sito web e assicurati che siano leggibili sui telefoni cellulari.
  • Testa sempre il tuo sito web prima di lanciarlo su diversi dispositivi.
  • Comprimi le tue immagini in modo che siano ottimizzate per i dispositivi mobili (non compromettere la qualità).

11. Recuperare l'autorità ripristinando le pagine interrotte

Non è mai bene avere collegamenti interrotti; queste pagine hanno backlink, ma non portano a nulla. Puoi trovare i collegamenti interrotti e gli URL con backlink in Esplora sito. Basta aggiungere un plug-in al tuo dominio, andare ai rapporti Best by Links e aggiungere il "filtro 404 non trovato"; riceverai il report del dominio di riferimento.

12. Assicurati che la tua mappa del sito non abbia problemi

Un elenco di Sitemap è una pagina che desideri che i motori di ricerca indicizzino, quindi è importante elencare le cose che non dovrebbero essere trovate, come reindirizzamenti, pagine morte, non canoniche o qualcosa che invia segnali errati a Google. Puoi monitorare i problemi della mappa del sito utilizzando Google Search Console e facendo clic su "Sitemap".

13. Assicurati che la tua pagina sia conforme al miglior SEO 

Ogni pagina del sito indicizzabile dovrebbe avere un tag titolo, una meta descrizione e H1, H2 e H3…. tag. Questi elementi di base aiutano Google a comprendere i contenuti del tuo sito web e ti aiutano a classificarti e ottenere più clic. Se vuoi saperne di più sull'ottimizzazione della pagina, consulta questo blog.

14. Trova il contenuto in declino nella tua classifica

Devi capire che il ranking non dura per sempre. Non appena il contenuto diventa obsoleto nel traffico di ricerca, ci saranno aggiornamenti e cambiamenti nelle linee guida di Google, vedrai spesso il Drop Off, quindi è necessario controllare; ecco un modo semplice per trovare il motivo del rifiuto dei contenuti nella console di ricerca di Google.

  • Vai ai rapporti sui risultati di ricerca di Google.
  • Imposta un filtro per la data.
  • Confronta il risultato degli ultimi 6 mesi con il periodo precedente.
  • Fare clic sulla scheda Pagina.
  • Ordina la tabella per differenza clic dal basso all'alto.

15. Scopri le parole chiave per la classifica del concorrente.

Il divario di contenuto si verifica quando il sito web del tuo concorrente si posiziona per una parola chiave che trovi, e l'identificazione manuale di tali parole chiave richiede molto tempo... Puoi utilizzare diversi strumenti di ricerca di parole chiave per ottenerla. Troverai tutte le parole chiave per cui si trova il dominio del tuo concorrente.

Vantaggi di un SEO audit completo a livello di sito

  1. Consentirti di stare al passo con la concorrenza.
  2. Migliora l'esperienza utente del tuo pubblico. 
  3. Aiutarti a identificare preziose opportunità SEO che possono massimizzare il tuo ROI.
  4. Ti consente di affinare la tua strategia SEO.
  5. Ottimizza i tassi di conversione e le prestazioni del sito web.
Hai un sito e-commerce?

Inserisci il sito su www.ebuyers.it gratis.

Aggiungi la tua attività
Vuoi proporre un articolo?

Contattaci e inviaci il tuo Guest Post o Redazionale.

Proponici un articolo